Giancarlo De Cataldo
Nato a Taranto nel 1956, vive a Roma dove è giudice presso la Corte d'Assise.
Romanziere, saggista, traduttore, autore di testi per il teatro, la radio e la tv, collabora con La Gazzetta del Mezzogiorno, Il Messaggero, Il Nuovo, Paese sera e Hot!.
E' tra gli autori della sceneggiatura per la fiction TV "Paolo Borsellino".
Ha pubblicato numerosi libri, il primo, "Nero come il cuore" per la casa editrice Interno Giallo, risale al 1989. questo romanzo ha ispirato un film diretto da Maurizio Ponzi e interpretato da Giancarlo Giannini.
Tra le sue opere ricordiamo "Minima criminalia", storie di carcerati e carcerieri (Manifestolibri 1992), "Il padre e lo straniero" (1997),"I giorni dell'ira. "Storie di matricidi" (Feltrinelli 1998), "Teneri assassini" (Einaudi Stilelibero 2000) e "Romanzo criminale" (Einaudi 2002) scritto con Paolo Crepet da cui è stato tratto il film di Michele Placido "Crimini".
Nel 2003 "Romanzo Criminale" ha vinto il Premio Scerbanenco.
Giancarlo de Cataldo coltiva da sempre una grande passione per le poesie e le canzoni di Leonard Cohen ed ha pubblicato un'antologia con poesie tratte da due collezioni, Flowers For Hitler, del '64, e The Energy Of Slaves , del '72 "L'energia degli schiavi" (Minimum Fax).
Nei mesi scorsi
:: Alessandro Laterza
 
L'intervista di aprile
 
     
  Qual è il libro che sta leggendo?  
  Ehm, non leggo mai un solo libro alla volta... diciamo che cerco di leggere contemporaneamente un romanzo contemporaneo straniero, uno italiano, e un saggio possibilmente di argomento del tutto estraneo ai miei interessi in modo da cercare suggestioni in qualche altro interesse... comunque l'ultimissima lettura che mi ha conquistato è stata una raccolta di racconti di un giovane
scrittore francese, Olivier Adam, dal titolo "Passare l'inverno" (ed. Minimum Fax).
Un magnifico post-carveriano con uno sguardo doloroso e agghiacciante sulla Francia d'oggi..
 
     
  Ci sono del libri cui si sente particolarmente legato?  
  Molti libri. Ne cito tre a caso: Le illusioni perdute di Balzac. L'amante di Yeoshua. American Tabloid di Ellroy.  
     
  Un Libro letto negli ultimi anni e che le è particolarmente piaciuto?  
  I racconti di Alice Munro. La concessione del telefono di Camilleri. Io non ho paura di Ammaniti.  
     
 

Il suo poeta del '900 preferito?

 
  Leonard Cohen. Ho una vera malattia personale per questo poeta e cantautore.  
     
  Autori preferiti in prosa?  
  Tutti i grandi del romanzo di formazione ottocentesco, francesi e russi in testa, ma anche Dickens. Poi Ellroy, Delillo, Yeoshua. Camilleri, Ammaniti, Veronesi e Mazzucco.  
     
 

Che libro consiglierebbe a uno studente liceale?

 
  Io non ho paura.  
     
  Che libro consiglierebbe a un uomo o una donna di 40 anni?  
  Caos Calmo di Sandro Veronesi.  
     
  Che libro consiglierebbe ad una persona che vorrebbe conquistare?  
  Magari cercherei di informarmi sulle sue letture preferite e poi farei cadere il discorso casualmente su un libro che "amo tanto ma tanto"( e sarebbe ovviamente il suo libro preferito).  
     
  Un personaggio letterario che l'ha sedotto?  
  Luciano di Rubempré e il forzato Vautrin, una coppia micidiale.  
     
  Quale libro secondo lei darebbe un'idea della Puglia a qualcuno che non la conosce?  
  Nostra Signora dei Turchi di Carmelo Bene.  
     
  È ottimista circa la vita culturale nella nostra Regione?  
  Sono pieno di speranza per il futuro. Mi sembra che vi siano segnali importanti di svolta. I talenti non sono mai mancati. Semmai abbiamo sempre pagato un deficit di organizzazione. Sì sono ottimista.  
     
  La sua massima preferita?  
  Non ho patria nè religione solo sigari (Groucho Marx).  
     

 
CONTATTACI
 
copyright © 2005 LisiEditore by QuickSearch & ScarletLab